Una bottega di sarcofagi fra Tarquinia e Tuscania: artisti e committenti d’alto rango

Maria Donatella Gentili

PDF disponibile per l'acquisto. € 14.00

Se sei abbonato effettua il login. Informazioni per abbonarsi.


Abstract

La particolare attenzione che gli studiosi hanno riservato, soprattutto a partire dagli anni ’70 del Novecento, all’analisi sistematica delle urne cinerarie d’età ellenistica ha dimostrato il grande potenziale di informazioni contenuto in quel settore dell’artigianato artistico etrusco. L’applicazione di un metodo filologico nello studio dei monumenti ha permesso di trarre da essi non solo nozioni sull’evoluzione dei linguaggi stilistici, ma anche sull’organizzazione della produzione, sulla distribuzione delle botteghe, sulla mobilità degli artigiani, sui modelli iconografici e sulle scelte ideologiche della committenza, giungendo in molti casi alla convincente proposta di attribuzione delle opere a botteghe e a singoli maestri, non ostante la frequente assenza di dati di scavo e i dubbi non rari sulla pertinenza di cassa e coperchio. […]