Un bronzetto di offerente da Santa Teresa di Gallura: nuove considerazioni

Rubens D'Oriano

Contenuto in: Studi Etruschi 52 - 1984

pp. 61-66, Tavv. 2


Abstract

Tra le non numerose testimonianze nuragiche della Gallura si annovera un bronzetto di offerente da Santa Teresa, noto da diversi anni, del quale pare possibile precisare meglio la posizione nell’ambito della cultura tardo nuragica della Sardegna settentrionale.
La statuetta rappresenta un giovane nudo stante, che reca nella mano sinistra un volatile tenendo la destra sollevata, la testa è perduta; le spalle sono rese in modo non ignaro di una certa tensione plastica, evidente nei glutei sporgenti e proporzionati e nelle gambe possenti, ove l’autore ha reso un po’ goffamente la muscolatura della parte anteriore delle cosce; h. cm. 7,2. Ignoti sono la località ed il contesto di rinvenimento. […]

Parole chiave

Materie


Materiali aggiuntivi


Ti potrebbero interessare anche:

L'Etruria delle necropoli rupestri. Atti del XXIX convegno di Studi Etruschi ed Italici (Tuscania-Viterbo 2017)

La scultura rupestre tra IV e III secolo a.C.

Scultura e plastica