Iscrizione sabina arcaica dal territorio di Cures

Alessandro Morandi

Contenuto in: Studi Etruschi 51 - 1983

pp. 595-608, Figg. 4, Tavv. 3


Abstract

Quanto espongo è il risultato di una ricerca sui territori del Piceno, del Sannio e della Sabina, avviata in collaborazione con il topografo Giorgio Filippi, ricerca che ha fruttato una vera messe di iscrizioni italiche e latino-italiche.
Nell’aprile del corrente 1982 mi veniva segnalata dallo stesso Dott. Filippi la eccezionale scoperta di un cippo con un’iscrizione arcaica, l’oggetto della presente esposizione. L’acquisizione si era avuta fortuitamente nel corso di lavori nell’alveo del fiume Farfa a nord dell’antico abitato di Cures. Il cippo – che io potei esaminare subito dopo la scoperta presso l’abitazione dell’operaio che l’aveva rinvenuto – fu messo al sicuro, in accordo con la Soprintendenza Archeologica del Lazio, nel Museo dell’Abbazia di Farfa dal Conservatore di questo, Tersilio Leggio, cui si deve il primo riconoscimento dell’epigrafe e tutte le cure per accertare le notizie relative alla situazione di rinvenimento. […]

Parole chiave

Materie


Materiali aggiuntivi


Ti potrebbero interessare anche: