Ideologia funeraria e celebrazione del defunto nelle stele etrusche di Bologna

Elisabetta Govi;Giuseppe Sassatelli

Contenuto in: Studi Etruschi 73 - 2007

pp. 67-92

PDF disponibile per l'acquisto. € 15.00

Se sei abbonato effettua il login. Informazioni per abbonarsi.


Abstract

Le stele di arenaria a ferro di cavallo, riccamente decorate a bassorilievo, che nel corso del V secolo indicavano fuori terra le tombe di Felsina (Bologna), costituiscono sicuramente il corpus di monumenti più peculiare, più coerente e più compatto della Bologna etrusca.
Collocate in prevalenza ai lati di una grande strada che, entrando in città da ovest, attraversava il più importante dei sepolcreti, esse costituivano uno straordinario complesso di immagini destinate oltre che agli abitanti di Felsina, anche ai molti ‘stranieri’ che frequentavano la città a cui accedevano percorrendo proprio questa strada monumentale che ricorda le grandi vie extraurbane non solo dell’Etruria, ma anche della Grecia. [...]

Parole chiave