Eolo, non Etolo: il mito di Pegaso alla fonte su uno specchio del Cabinet des Médailles

Riccardo Chellini

Contenuto in: Studi Etruschi 75 - 2009

pp. pp. 51-55, Tavv. 3

PDF disponibile per l'acquisto. € 26.00

Se sei abbonato effettua il login. Informazioni per abbonarsi.


Abstract

Un disegno dal Museum chartaceum di Cassiano dal Pozzo riproduce uno specchio etrusco che Claude Du Molinet segnalò nel 1692 a Parigi nella biblioteca dell’abbazia di Sainte-Geneviève e che il Cabinet des Médailles della Bibliothèque National acquisì nel 1797. Il disegno era conservato ad Aix-en-Provence nella collezione di Nicolas Fabris de Peiresc e fu dunque eseguito prima del 1637, anno di morte dello studioso provenzale. Il luogo di rinvenimento dello specchio è ignoto, ma il motivo a ghirlanda spicata che ne decora il bordo lo assegna alla ‘Kranzspiegelgruppe’ e orienta gli studiosi verso una produzione eseguita a Volsinii nel II secolo a.C., prima della caduta della città. [...]

Parole chiave

Materiali aggiuntivi


Ti potrebbero interessare anche: