Aruspici etruschi a Bolsena

Adriano Maggiani

pp. 183-198, Figg. 3, Tavv. 2

PDF disponibile per l'acquisto. € 24.00

Se sei abbonato effettua il login. Informazioni per abbonarsi.


Abstract

L'epigrafe lapidaria, descritta per la prima volta da Bartolomeo Nogara nel 1902, edita da Gustav Herbig e poi acutamente commentata da Olof Danielsson nel fascicolo del CIE dedicato a Volsinii (CIE 5167), oggi al Museo archeologico di Firenze, presenta alcuni problemi di lettura dovuti al suo cattivo stato di conservazione. Un riesame dell'originale ha suggerito all'Autore una nuova proposta di integrazione e una interpretazione originale del testo.

Parole chiave