Alcuni vasi etrusco-corinzi da Cuma, Napoli e Pithecusa

Vincenzo Bellelli

Contenuto in: Studi Etruschi 64 - 1997

pp. 9-42

PDF disponibile per l'acquisto. € 35.00

Se sei abbonato effettua il login. Informazioni per abbonarsi.


Abstract

Quella prodotta in Etruria sembra, al momento, l’unica ceramica di imitazione corinzia che abbia avuto una apprezzabile diffusione ‘internazionale’. Mentre, però, nel Mediterraneo nord-occidentale e in Africa settentrionale non cessano le segnalazioni, in Sicilia, Magna Grecia e nelle aree italiche a più diretto contatto con le chorai coloniali elleniche si continua a registrare un’assenza di documentazione pressoché assoluta che, per questo, difficilmente può essere imputata alla occasionalità delle scoperte archeologiche. […]

Parole chiave