Antiquissima aequipondia. Due pesi da Sassi Grossi e alcune note sul più antico sistema ponderale etrusco

Luca Cappuccini

pp. 35-47 e 1 Tavola

Available PDF for purchase. € 24.00

If tou are a subscriber login. Info to subscribe.


Abstract

La scoperta del complesso funerario di Sassi Grossi, vicino a Roselle, riveste una straordinaria importanza, per la comprensione del popolamento del territorio e di alcuni aspetti legati alle aristocrazie della prima metà del VII secolo a.C. Tra i reperti della tomba più antica sono presenti due pesi di bronzo con appiccagnolo finemente decorati. L’analisi del peso dei due aequipondia conferma che il più antico sistema ponderale noto in Etruria era costruito sul piede ‘microasiatico’. Questi oggetti, assieme ad altri reperti provenienti dal corredo, ribadiscono l’importante ruolo di network di questo nucleo aristocratico, probabilmente connesso con lo sfruttamento del vicino bacino minerario di Batignano, ricco di rame e argento.

The discovery of the funerary complex of Sassi Grossi, near Roselle (Grosseto), is of extraordinary importance for understanding both the population of the territory and some aspects of the aristocracy of the first half of the seventh century BC. Among the finds of the oldest tomb, there are two bronze weights with a ring and a refined decoration, probably dating back to the beginning of the century. The weight evaluation of the two aequipondia confirms an ancient weighing system in Etruria, that was of Levantine origin. Together with other find, these objects prove the important network role of this aristocratic nucleus, probably connected with the exploitation of the nearby mines of Batignano, rich in copper and silver.

Keywords